“…..Abbaiano alla luna” (di Romualdo Carini, Fisioterapista e Giornalista Pubblicista – Responsabile Blog)

Ricevi già la nostra newsletter? Se non la ricevi e sei interessata/o ai contenuti del Blog, registrati, utilizzando il box presente qui a fianco. Sarai così sempre periodicamente aggiornata/o su quanto viene pubblicato.

Un profondo silenzio istituzionale, grava sui tanto strombazzati Decreti Istitutivi dei clientelari “elenchi speciali ad esaurimento”, previsti (e sappiamo come ottenuti) (1), dal comma 538 della legge 145/2018 all’interno dell’Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (TSRM-PSTRP), insieme agli Albi delle “vere” Professioni Sanitarie.

Elenchi speciali in cui dovrebbero confluire, “per grazia ricevuta”, come già accaduto con il riconoscimento degli osteopati con la legge 3/2018, quelle bande di “fuori…legge” (abusivi delle professioni sanitarie, per intenderci) che da anni scorrazzano indisturbati soprattutto nel Far West della Riabilitazione: una vergognosa sanatoria.

Forse, però, quei “paladini del cambiamento”, che alla vigilia delle elezioni politiche del marzo 2018, avevano fatto promesse, si stanno rendendo conto del grave errore commesso; hanno capito, senz’altro anche aiutati (eufemismo) dalla “levata di scudi” delle vere Professioni Sanitarie, che legalizzare con un condono ogni risma di abusivi (in particolare, come accennato, quelli della Riabilitazione) non solo è LEGALMENTE molto difficile, dovendosi aggirare o volutamente ignorare, per raggiungere lo scopo, numerose normative e sentenze varie esistenti, leggi e sentenze che rappresentano veri e propri paletti dissuasori, ma anche perchè una simile “porcata” (vedasi definizione Treccani), si sta risolvendo per loro in un vero e proprio boomerang elettorale.

Con buona pace delle sopracitate bande di fuori…legge, il “lato oscuro” della Riabilitazione, che, sentendosi traditi e abbandonati, hanno cominciato a lamentarsi, ad agitarsi, ad arrabbiarsi con qualcuno che attualmente (ma speriamo definitivamente) non è più intenzionato ad ascoltarli, in pratica…”ad abbaiare alla luna”.

Non sono stati mantenuti i patti”, “Ci sentiamo traditi”, “Ma quale Governo del cambiamento!” protestano….e non possiamo che condividere, con malcelato compiacimento, ma per motivi diametralmente opposti, la non tanto velata minaccia di non votare, alle imminenti elezioni europee, chi, a loro dire, li ha presi in giro. Saremo in tanti.

(1) Legalizzare gli abusivi e mettere in pericolo la salute dei cittadini…..FATTO (da newsletter Riabilitazione Info n.1 – gennaio 2019)

Giusto per sapere come stanno le cose.

Nei giorni scorsi ho contattato l’on. Rossana Boldi, della Lega, che conosco dai tempi della lotta per l’approvazione della Legge 43/2006. E’ stata Relatrice in Commissione e in Aula di quella Legge ed ha molto contribuito alla sua approvazione.

In questa Legislatura è Vicepresidente della Commissione Affari Sociali della Camera, Presidente della quale, guarda caso, è l’esimia Marialucia Lorefice, una delle artefici della sanatoria pro-abusivi.

Ho chiesto all’on. Boldi, visti i suoi trascorsi, come ha potuto lasciare che passasse una simile “porcata”, proprio lei che si era sempre dichiarata contro gli abusivi della nostra Professione.

Questa la sua risposta: “Tranquillo, io la penso esattamente come allora, non ho cambiato idea, ed ho cercato in tutti i modi di fermare questa follia. Purtroppo anche qualcuno dei nostri della Lega è d’accordo, dicono che hanno promesso ai massofisioterapisti in campagna elettorale. Posso promettere che farò il possibile per rimediare, almeno parzialmente al disastro, ma bisogna spiegare ai nostri lombardi che questo emendamento, scritto così è sbagliato e foriero di disastri”.

La “porcata” non è quindi solo di colore giallo, magialloverde, è bipartisan.

Anche la Lega va messa di fronte alle sue responsabilità.

Romualdo Carini

Fisioterapista e Giornalista Pubblicista

Responsabile Blog