Assemblea Elettiva Nazionale dello Spif-Ar

 

Ricevi già la nostra newsletter? Se non la ricevi e sei interessata/o ai contenuti del Blog, registrati, utilizzando il box presente qui a fianco. Sarai così sempre periodicamente aggiornata/o su quanto viene pubblicato.

COMUNICATO STAMPA

Assemblea Elettiva Nazionale dello Spif-Ar

Si è tenuta a Napoli, il 20 e 21 maggio scorsi, l’Assemblea Elettiva Nazionale del Sindacato Professionale Italiano Fisioterapisti e Professioni Area Riabilitativa (Spif-Ar).

Il nuovo mandato ha visto riconfermati alla Presidenza il dott. Antonio Cartisano, alla Segreteria Nazionale il dott. Roberto Ferrara, alla Tesoreria il dott. Francesco Bisesi, alla Sanità Pubblica e Privata il dott. Sebastiano Reale, alla Libera professione e contrasto all’abusivismo il dott. Lorenzo Ricucci, alla Formazione il dott. Elvino Matassa, al Coordinamento Regioni il dott. Nicola Castelluccio, alll’Ufficio Giuridico la dott.ssa Giovanna Di Fiore.

Tutto ciò premesso, e fermo restando il nostro continuo impegno per l’attuale situazione parlamentare nel seguire (e non solo..) costantemente gli emendamenti del Ddl Lorenzin, attualmente in discussione e relativa “votazione” alla Camera, uno dei nostri primi Target da raggiungere, nel nuovo mandato affidato dall’Assemblea elettiva, riguarda il contrasto continuo ed indiscriminato alle cosiddette “FALSE PARTITE IVA”.

Per meglio esprimerci, il sistema di convenzione, con le strutture private, sancisce una dotazione strutturale ed organica adeguata alle esigenze della stessa convenzione. Motivo per cui, l’Ente privato ha l’obbligo di avere personale assunto con contratto di lavoro a tempo indeterminato e non con rapporto Libero Professionale. Orbene, da uno studio effettuato, su 10 centri privati convenzionati (da Nord a Sud) si continua a fare ricorso alle Partita Iva…molte delle quali hanno un rapporto di lavoro da più di 10 anni, in maniera continuativa, con orari stabiliti, con regolare badge per timbrare entrata/uscita, ecc..

Cosa abbiamo fatto e cosa stiamo facendo: stiamo inviando, in tutte quelle strutture ove ci risulta l’illecito, delle note dove chiediamo un incontro per meglio rappresentare le nostre motivazioni, il rispetto delle norme, l’assunzione a tempo indeterminato dei colleghi dell’area riabilitativa.

Alcuni di questi Enti non rispondono al nostro invito e tale assenza ci autorizza a comunicare, al Direttore Generale dell’ASL/ASP di appartenenza (Ente deputato al controllo e verifica dei requisiti strutturali, tecnici ed organizzativi del centro convenzionato), che, in virtù della tipologia di rapporto convenzionale, sarebbe possibile rescindere la stessa convenzione (ma tutti ben sappiamo che “nessuno” perderebbe un tale rapporto..)

Quest’azione, se da un lato mette “all’angolo” questi fatidici centri, dall’altro, risultati alla mano, sta permettendo l’assunzione di molti nostri colleghi.

Si precisa inoltre che se anche le ASL/ASP non dovessero fornire risposta, l’illecito verrà denunciato alle Procura della Repubblica.

Altro punto programmatico, al vaglio del nostro Ufficio Legale, riguarda l’applicazione della L.251/00, poiché, come è noto a tutti ed in primis all’Amico e Collega Gianni Melotti, Direttore di “riab.info”, aperiodico online in tema, non in tutte le Regioni questa Legge viene applicata in maniera omogenea e soprattutto nelle more in cui è stata concepita, creando delle “disparità” con le classi Infermieristiche (SITRA).

Abbiamo avuto modo, durante l’Assemblea, anche di confrontarci con il Segretario Generale del Consiglio Generale del Collegio dei Fisioterapisti Spagnoli, dott. D. JOSÉ MANUEL BRANDI DE LA TORRE.

Come Sindacato di categoria, seguiamo centinaia di colleghi in tutta Italia e nei posti di lavoro, affermando la nostra presenza con la costituzione delle RSA Spif-Ar e fornendo ai nostri colleghi tutto il supporto che meritano nell’ottica di addivenire, in questo marasma generale, al rispetto professionale e lavorativo, spesso negato.

Fonte Spif-Ar

Postato il 15 giugno 2017