Menu Chiudi

Non si pensi a Professioni Sanitarie acefale (di Gianni Melotti, Fisioterapista e Giornalista Pubblicista)

Ricevi già la nostra newsletter? Se non la ricevi e sei interessata/o ai contenuti del Blog, registrati, utilizzando il box presente qui a fianco. Sarai così sempre periodicamente aggiornata/o su quanto viene pubblicato.

E’ stato pubblicato, su “quotidianosanità.it” di qualche giorno fa, un articolo, a firma del Dott. Antonio Ciofani – Responsabile Struttura Complessa di Nefrologia e Dialisi, Ospedale Spirito Santo, Pescara – Consigliere Nazionale Anaao-Assomed, dal titolo emblematico di un certo modo di concepire ancora oggi le “gerarchie” e le responsabilità per chi opera in Sanità: “La legge sull’atto medico non è un guizzo di qualche medico nostalgico” (http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=36322)
Sembra giusto e doveroso “riportare in carreggiata” il disattento estensore di cui sopra.

Romualdo Carini
Fisioterapista e Giornalista Pubblicista
Responsabile Blog

 

Scrivo dalla sperduta Valle Camonica, scavata dal ghiacciaio dell’Adamello e modellata dal solco dell’Oglio. Come molti sanno è un posto unico al mondo per l’alta concentrazione di rocce istoriate. Si pensi che già nel Neolitico qualcuno, dando corpo ai propri pensieri, raccontava sul granito le sue “bote” (“storie”, in dialetto camuno) stilizzando figure antropomorfe, anche acefale. Il significato di quel gesto sfugge tutt’ora agli studiosi, ma non vorrei che qualcuno vivesse ancora nella convinzione che, in giro, ci sia gente non in grado di ragionare con la sua testa.

E’ quello che ho pensato leggendo la lettera, inviata a Quotidiano Sanità sull’atto medico, dal Dott. Antonio Ciofani qualche giorno fa. E lo dico dalla terra natale di Camillo Golgi, primo Camuno ad avere il Nobel per la medicina nel 1906.

Non che io sia contrario alla cosa, anzi ben venga una definizione che ne tracci le potestà e i limiti, come è stato fatto per le altre Professioni Sanitarie. La pianteranno forse, così, di nascondersi tutte le volte dietro sto “atto medico” di cui, ad oggi, non v’è traccia nel nostro ordinamento e che altro non è che un universo senza limiti ed in continua espansione.

Ma tutto questo non può prescindere dall’esistente, pretendendo magari di scavalcare quello che è stato posto a baluardo delle professionalità altrui. Norme che, per assurdo, sono anche le uniche che dicono qualcosa di quello che deve fare il medico.

Se, ad esempio, il Profilo Professionale dell’Infermiere dice che costui è responsabile dell’assistenza generale infermieristica, c’è forse bisogno di farsi venire scrupoli di lesa maestà?

E perché mai deve essere visto come pietra d’inciampo, il fatto che il Profilo del Fisioterapista dica chiaramente che questa Professione Sanitaria “svolge autonomamente gli interventi di prevenzione cura e riabilitazione” e, quando lavora come dipendente, in riferimento ad una diagnosi e alle prescrizioni di un qualsiasi medico può elaborare il programma di riabilitazione, praticare autonomamente attività terapeutica per la rieducazione funzionale, proporre l’uso di protesi e ausili, addestrarne all’uso e verificarne l’efficacia?

Mi sembra tutto tanto chiaro. Quando il Profilo (una Legge) parla di interventi “in riferimento” e non “su prescrizione”, dice una cosa sacrosanta, perché se il paziente si presenta a me dopo un mese dalla valutazione fatta dal medico, magari il quadro sarà pure cambiato e posso non essere tenuto a fare quello che serviva il mese prima, rispondendone per giunta in prima persona. Se mi si permette…non sono acefalo.

Forse ci si dimentica che per la Legge 42/99 la mia, ma anche quella dell’Infermiere, è una Professione Sanitaria? Forse si fa finta di non sapere che, per la Legge 251/00, io lavoro con titolarità e autonomia professionale usando procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze previste dal mio Profilo Professionale?

Suona forse strano che mi basti la prescrizione di un medico qualsiasi? Signori, questo dice il mio Profilo. Ma per i più increduli varrà la pena ricordare cosa ebbe a sentenziare il TAR del Lazio, con sentenza n. 0174/12, respingendo il ricorso della SIMFER contro il Decreto del Ministero della Salute che prevedeva “l’erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali”, fra cui appunto quelle dei fisioterapisti: “(i fisiatri) contestano all’impugnato decreto la violazione di asseriti diritti dello specialista, ma non indicano le norme che detto diritto avrebbero consacrato, per la semplice ragione che non esistono. Non esiste infatti una norma che imponga al fisioterapista, allorché eroga prestazioni rientranti nella propria competenza, di agire alla presenza o quantomeno sotto il controllo dello specialista”. (/http://riabilitazioneinfo.it/normativecpt/tar-lazio-sentenza-su-centralita-del-medico-fisiatra-nel-progetto-riabilitativo-ricorso-simfer-contro-decreto-farmacie/).

Con questo spero si sia capito che non sono contrario ad una regolamentazione dell’atto medico, ma non si pensi ancora oggi di riproporre figure antropomorfe acefale.
Parliamone, perché se c’è una legge la si rispetta, ma se non la trova nemmeno il Giudice…di cosa parliamo?